IL MEDICO: VACANZE RICARICA ENERGIA

di Vincenzo Santonicola – L’estate è arrivata e, come tutti gli anni , ci prepariamo a trascorrere un periodo di vacanza e di totale relax lontano dalla routine quotidiana affaticante e stressante. img_1257Per questa ragione andiamo alla ricerca di un luogo dove potersi rinfrancare dallo stress psico-fisico accumulato durante tutto l’anno e legato a problemi relativi a lavoro, studio, ménage familiare ma anche alle tante paure ed incertezza sociali ed economiche che condizionano la vita di tutti i giorni. Una cosa: certa occorre staccare la spina e passare anche una sola settimana ( andrebbero meglio due ) di vacanza al mare, in montagna o ai laghi, e ” ricaricare ” le batterie per poi ripartire con più energia. E’ stato osservato che, anche solo un breve periodo di vacanza, non solo riducelo stress da lavoro ma addirittura migliora la produttività quando si torna alle proprie attività lavorative. Inoltre, diversi studi e ricerche piuttosto interessanti sostengono che il relax fa bene in generale al nostro equilibrio psico-fisico e in particolare all’attività cardio-circolatoria. Dopo molti anni di osservazione, per la prima volta possiamo avere a disposizione dati concreti molto utili per capire che, per salvaguardare il nostro stato di benessere e di salute, occorre rivedere lo stile di vita, riorganizzare il mondo del lavoro, dello studio e delle professioni e far fronte allo stress e alla tensione che quotidianamente accumuliamo, evitando di ” scaricarla ” su qualche organo o funzione ( cuore, intestino, cervello, circolazione, ecc. ). Direi con certezza, senza poter essere confutato, che la vacanza fa bene al cuore. Da un recente studio, si evince che una settimana di ferie riduce del 20% il rischio di Ictus e Infarto, e a supporto di ciò il Framingham Heart Study ha dimostrato che gli uomini che per anni non hanno potuto godere di un congruo periodo di riposo corrono il rischio di attacchi cardiaci del 30% in più rispetto a chi va in vacanza con regolarità. Addirittura le donne che non usufruiscono di uno o più periodi di vacanza all’anno corrono il rischio di incorrere in una Malattia acuta cardiaca in modo otto volte maggiore. E’ oramai un dato acquisito che durante il periodo di ferie sale il livello delle endorfine, le cosiddette ” molecole del benessere ” che ci trasmettono la sensazione di felicità e soddisfazione, riducendo il senso della fatica e l’azione nefasta sull’attività metabolica dei radicali liberi e dei fattori di infiammazione, che innescano il cosi temuto ” STRESS OSSIDATIVO “. Insomma, per concludere, il riposo psico fisico, associato ad una corretta alimentazione, con cibi poveri ed antiossidanti, fa bene al cuore e alla salute in generale ( studio condotto dall’Osservatorio Internazionale sullo Stress Ossidativo ). Sembrerebbe la scoperta dell’acqua calda! Invece non è così, perchè il periodo di vacanza, breve o lungo che sia, deve servire a corregere il nostro stile di vita, a stimolarci ad avere maggior cura del proprio corpo e a riprendere in modo efficace relazioni socio ambientali indispensabili per la nostra salute e il nostro benessere.

Potrebbero interessarti anche...